Home Anziani Anziani e mobilità sicura

Anziani e mobilità sicura

0 738

Camminare, pedalare, guidare: incontro promosso da Unipolis con Uisp Bologna, per parlare dei benefici alla salute per chi fa attività motoria e su cosa significa mobilità sicura per le persone anziane

Schermata 2016-02-29 alle 11.51.35Nel 2014 gli over 75 vittime della strada sono aumentati dell’11,1% passando da 586 del 2013 a 651 decessi. In particolare, le città risultano essere sempre più a rischio, poiché è nei centri urbani che avvengono i tre quarti degli incidenti stradali e quasi la metà delle vittime. Tenuto conto del progressivo invecchiamento della popolazione italiana, Unipolis continua il suo impegno nei confronti di questa utenza vulnerabile della strada e promuove un primo incontro in collaborazione con Uisp Bologna sul tema: “Camminare, pedalare, guidare. Camminare spesso e bene aiuta la salute…ma non solo, consente di continuare a pedalare e guidare”. L’iniziativa si svolge a Bologna, venerdì 18 marzo alle ore 14,30 presso il Centro Sociale Ricreativo Culturale Santa Viola, in via Emilia Ponente 131. Intervengono Luciano Rizzi, UISP Bologna; Giordano Biserni, presidente Asaps – Associazione sostenitori e amici della Polizia stradale; Fausto Sacchelli, Fondazione Unipolis. L’obiettivo è sensibilizzare le persone anziane sui benefici alla salute che si hanno praticando una regolare attività fisica come quella del camminare e al tempo stesso far loro prendere coscienza di come evitare i pericoli della strada in qualità di pedoni, ciclisti o automobilisti. I dati del rapporto annuale Aci Istat delineano una fotografia preoccupante per la cosiddetta terza età. Infatti, fra i pedoni il numero più alto di vittime (soprattutto uomini) si trova nella fascia d’età tra 80 e 84 anni (87 casi) e quello dei feriti (soprattutto donne) fra i 75 e 79 anni. Rispetto al 2013, i pedoni deceduti aumentano da 52 a 76 fra gli 85 – 89enni e da 21 a 26 fra i 90 – 94enni. Parallelamente, il maggior numero di ciclisti deceduti è nella fascia d’età fra i 70 e gli 89 anni con il 42,5% del totale.

Locandina dell’iniziativa