Home In Evidenza Frenata assistita: la sicurezza delle auto premiata da Unipol

Frenata assistita: la sicurezza delle auto premiata da Unipol

    0 1992

    Tecnologia e guida corretta nella campagna "Non ci rimetti il muso" lanciata da UnipolSai e Bosh. Sconti e premi per chi partecipa entro il 25 ottobre.

    frenata assistita-unipolsai-boshIl Gruppo Unipol prosegue l’impegno per la guida sicura. La nuova campagna si chiama “Non ci rimetti il muso” ed ha l’obiettivo di promuovere l’installazione del sistema di frenata d’emergenza automatica (AEB) sulle autovetture. A realizzarla sono UnipolSai Assicurazioni S.p.A., la Compagnia leader in Italia nel ramo Danni, in particolare nell’R.C. Auto, da sempre portavoce di temi legati alla sicurezza stradale ed alla protezione dei clienti – già leader in Italia con oltre quattro milioni di “scatole nere” installate – insieme a Bosch, la multinazionale tedesca maggiore produttrice mondiale di componenti per auto.

    Fino al 25 ottobre è possibile ottenere un buono sconto di 100 euro sulla polizza Unipolsai Rc Auto Km&Servizi registrandosi sul sito dedicato www.noncirimettiilmuso.it, partecipando così anche ad un concorso a premi.

    Infatti, gli utenti, dopo aver inserito i propri dati e dichiarato se il modello della propria vettura ha la frenata di emergenza, recandosi in una delle agenzie UnipolSai (presenti su tutto il territorio nazionale) per sottoscrivere una nuova polizza auto col beneficio dello sconto, parteciperanno all’estrazione per provare l’esperienza di guida fra i ghiacci della Lapponia. Inoltre, tutti coloro che utilizzeranno la App ‘Schiacciamuso’ e invieranno il proprio selfie, avranno la possibilità di vincere una e-bike ‘powered by Bosch’.

    Secondo un’indagine Bosch, se tutti i veicoli fossero equipaggiati di un sistema di frenata di emergenza solo in Germania potrebbero essere evitati fino al 72% di tamponamenti con danni agli occupanti. Al tempo stesso, in Belgio e nei Paesi Bassi nel 2014 un’auto su due montava questi sistemi, che erano presenti anche nel 19% delle autovetture di nuova immatricolazione nel Regno Unito, e anche in Italia si stanno rapidamente diffondendo. L’efficacia del sistema AEB è talmente determinante da essere diventato, a partire dal 2016, un prerequisito per ottenere il punteggio massimo di cinque stelle secondo la valutazione Euro NCAP – il programma europeo di valutazione delle nuove automobili che fornisce ai consumatori informazioni sulla sicurezza delle nuove auto – che vuol dire “buona protezione globale in caso di impatto, veicolo equipaggiato con una robusta tecnologia anticollisione”.frenata assistita-unipolsai-bosh

    Significativi sono i risultati di uno studio condotto da NetExplora per conto dell’Osservatorio UnipolSai 2015 che hanno rivelato come il 25% degli intervistati consideri fondamentale la tecnologia che migliora e rende più sicure la frenata, insieme al 18% riguardante la scatola nera, l’11% l’antifurto satellitare e il 9% la guida automatica.

    In coerenza con gli obiettivi del Gruppo, il Progetto Sicurstrada di Unipolis promuove la sicurezza stradale coniugandola con la mobilità sostenibile e rivolgendosi all’utenza vulnerabile, ai giovani e agli anziani: oltre trenta città italiane coinvolte negli ultimi cinque anni, con decine di migliaia di persone contattate e oltre mille studenti incontrati nelle scuole.

    Ormai si può dire che si va diffondendo il principio per cui l’automobilista che guida un’auto meglio dotata di tecnologia per la sicurezza attiva, passiva e preventiva merita di spendere meno per la polizza assicurativa. Tenendo sempre ben presente che la tecnologia applicata alla sicurezza non fa diminuire l’importanza di adottare comportamenti individuali corretti e la responsabilità personale di chi è alla guida.

    Leggi anche:

    il dossier “Ecco le nuove frontiere della mobilità”

    NOTIZIE CORRELATE