Home Biciclette La pace va su due ruote

La pace va su due ruote

    0 1636

    M’illumino di meno, la campagna di Caterpillar per il risparmio energetico, dedicata alla mobilità sostenibile e alla operazione Bike to Nobel per candidare la bicicletta al premio Nobel per la pace.

    millumino-di-menoLa pace va su due ruote! Questo potrebbe essere lo slogan della dodicesima edizione di M’illumino di meno, la campagna radiofonica di sensibilizzazione sui consumi energetici, ideata da Caterpillar. L’edizione di quest’anno – che culminerà nella Festa del Risparmio Energetico il 19 febbraio – è dedicata in particolare al tema della mobilità sostenibile con la grande operazione Bike the Nobel, la campagna etica di Rai Radio2 promossa da Caterpillar in cui si candida la bicicletta a Premio Nobel per la Pace. Paola Gianotti, ciclista pluripremiata, ha pedalato da Milano fino a Oslo per portare le firme raccolte da Caterpillar, come atto simbolico di consegna della candidatura.

    Quest’anno l’invito per gli amministratori e i cittadini è quello di basare la propria adesione sul tema della mobilità sostenibile: promuovendo l’uso della bicicletta e di tutti i mezzi a basso impatto energetico come simbolo di pace e di rispetto per l’ambiente. Pedalate cittadine, incentivi a usare i mezzi pubblici, pedibus scolastici, rinunciare un giorno all’automobile sono solo alcune delle tante iniziative che è possibile organizzare nei propri territori per aderire.logo-bike-the-nobel

    Il tema è quanto mai attuale se si pensa ai dati sull’ambiente e sulla sicurezza stradale. Da un lato la recente Conferenza di Parigi (COP21) ha messo in evidenza come il settore dei trasporti contribuisce al 23% della produzione dei gas serra. Dall’altro, i dati più recenti sulla incidentalità stradale fotografano un Paese nel quale la sicurezza stradale pare abbia tirato il freno: il calo delle numero delle vittime ha subito un brusco rallentamento. E se si prende la situazione dell’utenza vulnerabile, si vede come nel 2014, rispetto all’anno precedente, le vittime fra i ciclisti sono cresciute dell’8,8%, cioè da 251 a 273 (fra i pedoni sono aumentate del 4,9%, passando da 549 a 578); con un indice di mortalità (morti ogni 100 incidenti) per gli utenti più vulnerabili molto elevato: 1,41 per i ciclisti, contro lo 0,67 delle automobili.

    Anche quest’anno la campagna coinvolge una varietà di soggetti: migliaia di ascoltatori, centinaia diassociazioni e i più importanti attori istituzionali, italiani e stranieri. L’iniziativa si avvale dell’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, dell’alto patrocinio del Parlamento europeo, del patrocinio del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati, dell’adesione del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.