Home Incidenti stradali La sicurezza nei campi: in aumento le morti verdi

La sicurezza nei campi: in aumento le morti verdi

1 1470

Nel 2015, il numero delle vittime è cresciuto di 6,1% rispetto all’anno precedente. Complessivamente, dal 2010 al 2015 sono oltre mille i morti in agricoltura in incidenti con trattori. Nei primi tre mesi del 2016, le vittime sono già 25. I dati dell'Osservatorio ASAPS.

morti-verdi-incidenti-stradali

Foto: Asaps.it

La sicurezza in agricoltura attraversa un momento delicato. Infatti, nell’anno appena trascorso l’Osservatorio dedicato alle cosiddette morti verdi di ASAPS ha registrato 434 incidenti (+11% rispetto ai 390 del 2014) con 192 morti (+6,1% rispetto ai 181 morti del 2014) e 281 feriti (+9,3% rispetto ai 257 dell’anno prima).
Si tratta di numeri che indicano un trend negativo, drammaticamente coerente con i primi dati parziali riguardanti la sicurezza stradale che per il 2015 indicano una inversione di tendenza rispetto al passato con un aumento dell’1,3% delle vittime.
Complessivamente dal 2010 al 2015, cioè gli ultimi sei anni, i trattori agricoli sono rimasti coinvolti in 2.281 incidenti dove hanno perso la vita 1.073 persone e altre 1.501 sono rimaste ferite.
Fra i 192 morti si contano 167 vittime fra i conducenti dei trattori (87%), mentre 2 erano i trasportati. Sono stati invece 23 i terzi coinvolti a terra o conducenti o occupanti di altri veicoli. Anche per quanto riguarda gli over 65, il peggioramento della sicurezza è simile all’andamento negativo che si registra sulle strade: gli episodi che vedono coinvolti gli anziani sono 163 pari al 38% del totale, mentre erano 145 nel 2014 (37% del dato complessivo di quell’anno).

Al primo posto come numero di incidenti la Toscana con 47 incidenti e 25 morti, segue la Lombardia con 44 incidenti e 18 morti, il Veneto con 42 incidenti e 15 morti, la Campania con 37 incidenti e 17 morti, il Piemonte con 36 incidenti e 15 morti, l’Emilia Romagna con 34 incidenti e 9 morti, il Lazio con 30 incidenti e 12 morti.