Home Incidenti stradali

Incidenti stradali

Dopo diversi anni in discesa si blocca il trend positivo. I dati del 2014 di Aci-Istat: nei centri urbani aumenta in modo rilevante il numero dei morti (+ 5,4%); colpiti un maggior numero di pedoni (+4,9), di ciclisti (+8,8%) e soprattutto di anziani (+11,1%); ma anche di under 14 (+12,7). Una inversione di tendenza confermata anche dalle prime cifre sul 2015 della Polizia Stradale.
12 1728

Cina, India e Brasile ai primi posti. Motociclisti e pedoni rappresentano quasi la metà delle vittime. I dati del terzo “Global status report on road safety”
1 1346

Automobilista travolge e uccide anziana in sedia a rotelle sulle strisce pedonali, senza prestare soccorso
0 1069

Nei primi sei mesi del 2015, rispetto allo stesso periodo del 2014, è diminuito il numero degli under 30 morti sulle strade durante i fine settimana. Ma sono aumentati gli incidenti mortali notturni.
0 1680

Le prime stime di Aci-Istat indicano in 3.300 le vittime della strada, con una flessione dell'1,62% rispetto al 2013. Anche il numero degli incidenti e dei feriti è in diminuzione: rispettivamente registrano -3,77% e -3,58%. Nelle strade urbane le vittime calano più lentamente che sulle autostrade.
1 2713

L’aumento della sicurezza delle due ruote e del numero degli anziani fra i pedoni che muoiono in incidenti stradali sono due fra gli elementi principali che caratterizzano il Rapporto Aci-Istat 2013
5 4414

Secondo il Rapporto Aci - Istat, nel 2013 i sinistri diminuiscono del 3,7% rispetto al 2012 con -9,8% vittime e -3,5% feriti. Più sicure le due ruote, ma aumentano i pedoni over 60 deceduti
4 3002

In testa la Lombardia, la Sicilia supera l’Emilia-Romagna e il Veneto. I dati dell'Osservatorio Il Centauro – Asaps.
4 2549

In attesa del nuovo rapporto Aci-Istat, Asaps fa un bilancio sugli interventi compiuti da Polizia Stradale e Carabinieri: i sinistri calano del 2,4% e quelli mortali diminuiscono del 15,2%.
0 2028

VIDEO

0 1380
X
Gentile Utente, ti informiamo che questo sito fa uso di cookie (propri e di altri siti: Google, Addtoany, Youtube e Vimeo) al fine di rendere i propri servizi il più possibile efficienti e semplici da utilizzare.
Se vuoi saperne di più o esprimere le tue preferenze sull'uso dei singoli cookie, clicca qui.
Se accedi ad un qualunque elemento sottostante questo banner, acconsenti all'uso dei cookie. Ho capito, nascondi questo messaggio