Home Mobilità Sostenibile “Ferma l’auto, guadagni i mezzi”: UnipolSai per una mobilità nuova

“Ferma l’auto, guadagni i mezzi”: UnipolSai per una mobilità nuova

    0 3369

    A Milano dall'11 novembre, per tre mesi, con Unibox puoi accumulare bonus convertibili in biglietti ATM se lasci a casa l'auto.

    Ferma l'auto, guadagni i mezziSe sei assicurato UnipolSai, installi Unibox (la scatola nera) e vivi a Milano, hai un vantaggio in più: puoi guadagnare bonus convertibili in biglietti per viaggiare sui mezzi pubblici. Dall’11 novembre all’11 febbraio 2015, “Ferma l’auto, guadagni i mezzi” promossa da UnipolSai Assicurazioni in collaborazione con il Comune di Milano e l’ATM (Azienda Trasporti Milanesi) premierà gli automobilisti virtuosi che sceglieranno di non usare l’auto.

    Di cosa si tratta? Di una vera e propria campagna a favore della mobilità sostenibile e della sicurezza stradale. Da questo punto di vista, il Gruppo Unipol è coerente con i valori di responsabilità sociale e civile che persegue nel quadro di una più complessiva strategia di sostenibilità.

    L’apposito sito milanoviaggiameglio.it illustra nei dettagli come ricevere in premio 1 biglietto ATM, per ogni giorno di non utilizzo della propria auto durante la settimana lavorativa, periodo nel quale i centri urbani sono sempre più intasati dal traffico. Questo significa inquinare di menoincentivare una mobilità nuova maggiore sicurezza stradale.

    Infatti, i dati Aci Istat ci dicono che nel 2013 nei 14 grandi Comuni presi in esame avvengono complessivamente il 32% degli incidenti (a loro volta nelle aree urbane – piccole e grandi – avviene il 75% dei sinistri). Milano, ad esempio, è secondo dopo Roma, con 9.118 incidenti su 43.536, anche se ha l’indice di mortalità più basso con 0,29 (il più alto è Napoli con 1,69). Così come per quanto riguarda la viabilità sulle due ruote. Nel 2013 la città ambrosiana è stata teatro di sinistri che hanno coinvolto 1.176 biciclette sulle 17.176 a livello nazionale, ovvero il 6,7%, ma con l’1,9% di vittime (5 decessi, secondo i dati Fiab). Mentre per i pedoni si è passati dalle 24 vittime del 2012 alle 14 del 2013.

    Per saperne di più:

    Comunicato Stampa