Home Mobilità Sostenibile Ratti: “L’auto senza guidatore romperà i confini tra trasporto pubblico e privato”

Ratti: “L’auto senza guidatore romperà i confini tra trasporto pubblico e privato”

    3 2935

    Per Carlo Ratti, docente al MIT di Boston, è in corso una rivoluzione destinata a cambiare il sistema dei trasporti per come lo conosciamo noi

    carlo-ratti-558x372-1Auto senza guidatore e accessibilità dei dati, intermodalità e tecnologia. Da queste premesse partono le nuove frontiere della mobilità secondo Carlo Ratti, docente al MIT di Boston dove dirige il MIT Sensable City Lab: un progetto di ricerca che prende vita da un nuovo approccio allo studio dell’ambiente urbano legato alle quotidiane metamorfosi delle città.

    Parlando di mobilità, quali sono le innovazioni tecnologiche, oggi presenti sul mercato, più interessanti o con maggiore potenzialità rivoluzionaria? E come si immagina le strade fra 10 o 20 anni?

    I punti sono soprattutto due:

    carsharing11) Innanzitutto una rivoluzione, già in corso, legata all’accessibilità dei dati: sapere qual è il posteggio di car sharing più vicino, la bici più vicina, come andare dal punto A al punto B. Questo significa una mobilità molto più fluida e grazie a cui sarà più semplice cambiare “sistema”: l’intermodalità diventerà più accessibile perché sapremo esattamente, scendendo in un punto, quando arriva il prossimo mezzo che ci porterà a destinazione. Questo è un cambio notevole che è già in corso, se pensiamo agli ultimi 5-10 anni (esempio emblematico la diffusione del car sharing a Milano) e che modificherà radicalmente la mobilità dei prossimi anni.

    2) Altro aspetto fondamentale, legato alla tecnologia, sarà la capacità di avere dei sistemi, siano essi auto o autobus autonomi, quindi senza guidatore. E questo è estremamente interessante non perché in tal modo non dobbiamo tenere le mani sul volante (certo è comodo aver la possibilità di fare altro mentre si viaggia), ma perché la macchina può accompagnare noi la mattina in ufficio, per esempio, e poi accompagnare altre persone, della nostra famiglia o della nostra città, durante la giornata: l’auto senza guidatore rompe i confini fra trasporto pubblico e privato, creando un nuovo sistema di trasporto ibrido, che ovviamente avrà un fortissimo impatto sulla sicurezza. Scompiglierà le carte del mondo del trasporto che conosciamo oggi.

    Ci possono essere a suo avviso dei rischi, in ambito di sicurezza, legati all’abuso della tecnologia?

    Oggi, con una macchina controllata da noi e non ancora autonoma, i rischi sono per lo più legati alla distrazione, sia per quanto riguarda l’invio di sms che l’uso di dispositivi caricati a bordo: pochi secondi cambiano ancora tutto.

    Per approfondire:

    Il dossier “Ecco le nuove frontiere della mobilità”
    > L’intervista a Paolo Santi
    L’intervista a Francesco Paolo Deflorio
    L’intervista a Luca Studer

     

    NOTIZIE CORRELATE