Home Sicurezza stradale Nasce Fondazione ASAPS per la Sicurezza Stradale e Urbana

Nasce Fondazione ASAPS per la Sicurezza Stradale e Urbana

    0 557

    Un nuovo progetto per la mobilità sicura

    26792_medÈ nata la Fondazione ASAPS per la Sicurezza Stradale e Urbana. Presentata ufficialmente alla stampa il 26 giugno a Forlì, dove ha la sede, esattamente 26 anni dopo la creazione di Asaps – Associazione Sostenitori Amici della Polizia Stradale, promossa nel 1991 da Giordano Biserni, la Fondazione ne rappresenta una ulteriore e naturale evoluzione.

    Fondazione Unipolis è tra i soci fondatori della nuova organizzazione, in coerenza con l’impegno che da anni sviluppa con il Progetto Sicurstrada sui temi della sicurezza stradale e della mobilità sostenibile, in collaborazione con la stessa Asaps. “La Fondazione Asaps – ha dichiarato il suo presidente, Ugo Terracciano, docente di Tecniche Investigative Applicate presso la Scuola di Scienze Politiche nella sede di Forlì dell’Alma Mater Studiorum – Università di Bologna – nasce come un’alleanza etica tra attori diversi che nel fine sociale comune hanno trovato un impegno condiviso, una strada collettiva, la buona strada. Dopo 26 anni di intensa informazione, campagne di sensibilizzazione e azioni positive promosse dall’ASAPS, l’obiettivo oggi è far confluire ad unico tavolo le numerose istanze dei cittadini e delle associazioni, le differenti voci delle forze dell’ordine e le attenzioni dei soggetti coinvolti nella sicurezza stradale e urbana, al fine di favorire la crescita di una cultura della sicurezza tour court”.

    Informazione, formazione, consulenza e ricerca sono le attività che caratterizzano il programma della neonata Fondazione. Uno strumento di comunicazione aggiornato e professionale, e insieme interlocutore diretto con il cittadino; punto di riferimento per la preparazione degli addetti ai lavori e centro di formazione e specializzazione interdisciplinare; centro di assistenza e divulgazione in materie tecnico-giuridiche con pubblicazioni specifiche per le diverse tipologie di utente. Inoltre, si prevedono studi e osservatori della sinistrosità, con progetti di ricerca in ambito nazionale e internazionale.

    Per approfondire: clicca qui

    > Rassegna stampa