Brexit e sicurezza stradale: un capitolo aperto e pericoloso

Info

Normativa stradale

​​​Fonte: Etsc.eu


Social media

Nell'approfondimento dell'European Transport Safety Council, network europeo di cui Fondazione Unipolis con sicurstrada è membro dal 2020, l'analisi dell'impatto sulla sicurezza stradale delle nuove relazioni tra Unione Europea e Regno Unito.

Il periodo di transizione è terminato e un accordo è stato siglato. Quali saranno adesso le implicazioni sulla regolamentazione e la cooperazione tra UE e Regno Unito in materia di sicurezza stradale?

Come prima cosa, la legislazione dell'UE sull'applicazione transfrontaliera delle infrazioni stradali non si applica più, il che significa che il Regno Unito non applica le sanzioni stradali come le multe per eccesso di velocità sui conducenti stranieri. Lo stesso vale per gli Stati membri dell'UE rispetto ai conducenti del Regno​​ Unito. Eventuali nuovi accordi bilaterali tra il Regno Unito e gli Stati membri dell'UE potrebbero cambiare la situazione in futuro.

Un'altra problematica significativa e immediata è in tema di malfunzionamenti dei veicoli e relativo richiamo. Il Regno Unito in passato ha più volte allertato gli Stati membri dell'UE in merito a gravi difetti dei veicoli immessi su strada e viceversa l'UE. Ma il Regno Unito adesso non fa più parte del sistema di allarme rapido Rapex EU / SEE. Con l'accordo siglato UE e Regno Unito si impegnano in futuro a stabilire un metodo univoco per lo scambio di dati, ma questo problema non è di facile risoluzione.

Il Regno Unito non è più soggetto inoltre alle nuove norme dell'UE sulla gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali e non concorre più all'obiettivo europeo di riduzione del 50% dei morti e dei feriti sulla strada entro il 2030. Attualmente non ha un obiettivo proprio equivalente, ma si è impegnato a ​raggiungere l'obiettivo globale stabilito nella recente Dichiarazione di Stoccolma

Il Regno Unito non fornirà più dati dettagliati sulle vittime della strada e sulle lesioni gravi per il database EU CARE, una fonte importante per il benchmarking​ delle prestazioni in tema di sicurezza stradale in Europa. Tuttavia, il Regno Unito continuerà a collaborare con altre organizzazioni internazionali come l'International Transport Forum e il programma Road Safety Performance Index dell'ETSC.

Nel campo della regolamentazione dei veicoli, il Regno Unito sta istituendo un proprio sistema di omologazione. I veicoli ora dovranno soddisfare sia gli standard del Regno Unito che quelli dell'UE se devono essere venduti in entrambi i mercati. L'eccezione è per l'Irlanda del Nord dove sarà ancora possibile vendere un veicolo con la sola omologazione UE.

Per il momento le omologazioni dell'UE vengono convertite in quelle del Regno Unito in un processo relativamente semplice, ma ciò potrebbe cambiare quando il Regno Unito abbandonerà il sistema temporaneo attualmente in vigore. I produttori con sede nel Regno Unito dovranno ottenere l'approvazione dell'UE da un'autorità di omologazione con sede nell'UE per tutti i nuovi tipi di veicoli in futuro, nonché l'approvazione del Regno Unito per la vendita nel suo territorio.

Il governo del Regno Unito ha recentemente affermato che applicherà le nuove norme dell'UE sulla sicurezza dei veicoli che entreranno in vigore dal 2022 che impongono nuove tecnologie come la frenata di emergenza automatizzata e l'assistenza intelligente della velocità. Ma la posizione del Regno Unito al riguardo è in realtà poco chiara.

È probabile che il costo dei nuovi veicoli nel Regno Unito aumenti a causa degli ulteriori oneri normativi e logistici della Brexit, che potrebbero potenzialmente rallentare il rinnovo della flotta verso veicoli più moderni e più sicuri. Secondo quanto riferito, alcuni produttori hanno già aumentato i prezzi di listino nel Regno Unito.

Grazie all'accordo, alcune normative sui trasporti che incidono sulla sicurezza rimarranno per il momento sostanzialmente invariate. Gli autocarri del Regno Unito che operano nell'UE, e viceversa, dovranno ora seguire le regole stabilite nell'accordo - che rispecchiano la legislazione dell'UE esistente su temi come le ore di guida, i tempi di riposo, i certificati di competenza professionale, l'uso di tachigrafi e le dimensioni dei veicoli. Se una delle parti intenderà applicare regole aggiornate o diverse in futuro, ciò sarà soggetto a negoziazione. Per il traffico degli autobus, entrambe le parti hanno deciso di basare le operazioni future in gran parte sull'accordo Interbus esistente che disciplina il trasporto di passeggeri su strada tra i paesi dell'UE ed extra UE.

È stato inoltre concordato che il Regno Unito continuerà a partecipare al programma di finanziamento della ricerca Horizon Europe, il programma di punta dell'UE da 80 miliardi di euro, come membro associato pagante per sette anni. Tuttavia, il Regno Unito non avrà voce in capitolo sulla strategia generale del programma.

Ellen Townsend, Policy Director dell'ETSC ha commentato:

"Il Regno Unito e l'UE non avranno strade più sicure come esito di questo accordo. Esistono diverse lacune come l'applicazione transfrontaliera e le incognite rimarranno anche quando verrà riavviata la condivisione dei dati sui richiami dei veicoli. La competenza e la leadership del Regno Unito in materia di sicurezza dei trasporti mancheranno nei dibattiti dell'UE. Guardando al futuro, ci auguriamo che l'UE e il Regno Unito instaurino una buona cooperazione e che i vari nuovi gruppi di lavoro siano aperti e trasparenti e che le ONG abbiano un posto a questi tavoli. Il mondo ora ha un altro regime di regolamentazione della sicurezza dei veicoli. Ci auguriamo che il Regno Unito sfrutti questa opportunità per mettere in atto standard di sicurezza che vadano oltre rispetto ai nuovi standard dell'UE 2022/4 ed evitino invece una corsa al ribasso. La loro eventuale scelta di abbassare gli standard di sicurezza per raggiungere un accordo commerciale con gli Stati Uniti resta il principale pericolo".


Info

Normativa stradale

​​​Fonte: Etsc.eu


Social media

 

 

Mobilità sostenibile: investimenti, programmi e innovazioni nelle Città metropolitaneMobilità sostenibile: investimenti, programmi e innovazioni nelle Città metropolitaneMobilità sostenibilehttps://www.sicurstrada.it/focus/mobilità-sostenibile-pubblicato-il-rapporto-su-investimenti-programmi-e-innovazioni-nelle-città-metropolitaneA cura del Ministero delle Infrastrutture e della mobilità sostenibili20/10/2022 10:01:3501586Con la pubblicazione del Rapporto “Investime​nti, programmi e innovazioni per lo sviluppo della mobilità sostenibile nelle Città metropolitane​", il Ministero delle Infrastrutture aspx785htmlFalseaspx<img alt="" src="/PublishingImages/focus/MIMS_report.png" style="BORDER:0px solid;" />
La Lituania unico Paese UE ad aver dimezzato le vittime della strada tra il 2011 e il 2021La Lituania unico Paese UE ad aver dimezzato le vittime della strada tra il 2011 e il 2021Incidenti stradalihttps://www.sicurstrada.it/focus/la-lituania-unico-paese-ue-ad-aver-dimezzato-le-vittime-della-strada-tra-il-2011-e-il-2021La Lituania ha vinto il PIN 2022 di ETSC15/06/2022 08:44:1401585Tra i Paesi europei non UE solo la Norvegia ha fatto meglio Per tutti resta l'obiettivo dimezzamento delle vittime tra il 2020 e il 2030 La Lituania è la vincitrice del premio PIN aspx1705htmlFalseaspx<img alt="" src="/PublishingImages/focus/pin2022_etsc_eu.png" style="BORDER:0px solid;" />
Osservare il cambiamento educando alla mobilità sostenibileOsservare il cambiamento educando alla mobilità sostenibileEducazione alla mobilitàhttps://www.sicurstrada.it/focus/osservare-il-cambiamento-educando-alla-mobilità-sostenibileEvento di presentazione della misurazione d'impatto del Progetto O.R.A.13/06/2022 13:50:0501584Educazione alla mobilità ​​SCARICA LO STUDIO diretta streaming ​​​Scarica il programma EVENTO DI PRESENTAZIONE DELLA MISURAZIONE D'IMPATTO DEL PROGETTO O.R.A. aspx1868htmlFalseaspx<img alt="" src="/PublishingImages/focus/Osservare%20il%20cambiamento_impatto%20educazione%20mobilità_progetto%20ORA.png" style="BORDER:0px solid;" />
Progetto O.R.A.: da vincitori a cittadini del domaniProgetto O.R.A.: da vincitori a cittadini del domaniEducazione alla mobilitàhttps://www.sicurstrada.it/focus/progetto-o-r-a-da-vincitori-a-cittadini-del-domaniSi sono concluse lo scorso 5 maggio le giornate dedicate ai vincitori del Progetto O.R.A. di Fondazione Unipolis e Cittadinanzattiva. Nove classi provenienti da Palermo, Messina, Nichelino (TO), Napoli, Bari, Alberobello (BA) e Genova hanno visitato la ci27/05/2022 08:12:2201583Si sono concluse lo scorso 5 maggio le giornate dedicate ai vincitori del Progetto O.R.A. di Fondazione Unipolis e Cittadinanzattiva Nove classi provenienti da Palermo, Messina aspx1870htmlFalseaspx<img alt="" src="/PublishingImages/focus/vincitori_Ora_cubo.png" style="BORDER:0px solid;" />
Il viaggio del Manifesto del Progetto O.R.A. nelle cittàIl viaggio del Manifesto del Progetto O.R.A. nelle cittàEducazione alla mobilitàhttps://www.sicurstrada.it/focus/il-viaggio-del-manifesto-del-progetto-o-r-a-nelle-città14 tappe, 2.000 partecipanti e oltre 40 amministratori e amministratrici locali incontrati19/05/2022 12:21:1401582Lo scorso 16 maggio si è concluso il tour di presentazione del Manifesto della mobilità sostenibile nato con il Progetto O.R.A. di Fondazione Unipolis e Cittadinanzattiva aspx1976htmlFalseaspx<img alt="" src="/PublishingImages/focus/sicurstrada_progettoora_tour_manifesto.png" style="BORDER:0px solid;" />
Siracusa: Unipolis al fianco del Progetto Icaro Siracusa: Unipolis al fianco del Progetto Icaro Mobilità sostenibilehttps://www.sicurstrada.it/focus/siracusa-unipolis-al-fianco-del-progetto-icaroIl 4 e 5 aprile scorso si è tenuto presso la Camera di Commercio di Siracusa il convegno di presentazione del Progetto Icaro 2022, che ogni anno vede impegnata la Polizia Stradale di Siracusa nella lotta ai comportamenti di guida pericolosi. Il convegno h13/04/2022 16:33:5101581Il 4 e 5 aprile scorso si è tenuto presso la Camera di Commercio di Siracusa il convegno di presentazione del Progetto Icaro 2022, che ogni anno vede impegnata la Polizia Stradale aspx2278htmlFalseaspx<img alt="" src="/PublishingImages/focus/Unipolis_Icaro_Manifesto_2.png" style="BORDER:0px solid;" />
In monopattino in sicurezza per un futuro più pulitoIn monopattino in sicurezza per un futuro più pulitoEducazione alla mobilitàhttps://www.sicurstrada.it/focus/in-monopattino-in-sicurezza-per-un-futuro-più-pulitoÈ partito a Milano il progetto pilota di Fondazione Unipolis che porta nelle scuole un percorso formativo e laboratoriale sulla guida sicura e consapevole del monopattino elettrico. Realizzato con la partnership tecnica di Bit Mobility. 13/04/2022 16:45:4301580È partito a Milano il progetto pilota di Fondazione Unipolis che porta nelle scuole un percorso formativo e laboratoriale sulla guida sicura e consapevole del monopattino aspx2407htmlFalseaspx<img alt="" src="/PublishingImages/focus/Bit_unipolis_monopattino.png" style="BORDER:0px solid;" />
Progetto O.R.A.: riprende il tour di presentazione del ManifestoProgetto O.R.A.: riprende il tour di presentazione del ManifestoEducazione alla mobilitàhttps://www.sicurstrada.it/focus/progetto-o-r-a-al-via-il-tour-di-presentazione-del-manifestoSi riparte da Torino il 25 marzo28/04/2022 13:08:0301618Dopo l'evento di Roma a settembre 2021 con il Ministro Giovannini, aveva preso il via lo scorso novembre da Palermo il tour di presentazione del primo Manifesto della mobilità aspx4520htmlFalseaspx<img alt="" src="/PublishingImages/focus/Tour%20Manifesto_1110x580.png" style="BORDER:0px solid;" />
Guida autonoma, l’NHTSA: “Non c’è bisogno di controlli di guida manuali”Guida autonoma, l’NHTSA: “Non c’è bisogno di controlli di guida manuali”Mobilità futurahttps://www.sicurstrada.it/focus/guida-autonoma-l’nhtsa-non-c’è-bisogno-di-controlli-di-guida-manualiL'agenzia americana per la sicurezza stradale ha modificato il regolamento sui veicoli automatizzati15/03/2022 16:31:2401627La National Highway Traffic Safety Administration, ovvero l'ente regolatore per la sicurezza stradale negli Stati Uniti, ha emesso una normativa secondo cui i veicoli a guida aspx2366htmlFalseaspx<img alt="" src="/PublishingImages/focus/Nhtsa_guida%20autonoma_unipolis.png" style="BORDER:0px solid;" />
Covid e transizione ecologica, occasione persa: le città italiane non sono diventate più greenCovid e transizione ecologica, occasione persa: le città italiane non sono diventate più greenMobilità sostenibilehttps://www.sicurstrada.it/focus/covid-e-transizione-ecologica-occasione-persa-le-città-italiane-non-sono-diventate-più-greenLa classifica28/02/2022 10:13:0301626Fo​nte: Comunicato stampa Clean Cities Campaign Un rapporto internazionale della Clean Cities Campaign ha analizzato lo stato della mobilità urbana e la qualità dell'aria in 36 aspx2967htmlFalseaspx<img alt="" src="/PublishingImages/focus/Clean%20Cities%20Campaign_2022.png" style="BORDER:0px solid;" />
Il trasporto ferroviario in Italia: ecco Pendolaria 2022Il trasporto ferroviario in Italia: ecco Pendolaria 2022Mobilità sostenibilehttps://www.sicurstrada.it/focus/il-trasporto-ferroviario-in-italia-ecco-pendolaria-2022Il trasporto ferroviario ai tempi del Covid-19 e le opportunità del PNRR: i dati del rapporto annuale e la road map degli interventi da realizzare al 203017/02/2022 10:41:0401625Il trasporto ferroviario ai tempi del Covid-19 e le opportunità del PNRR: i dati del rapporto annuale e la road map degli interventi da realizzare al 2030 Ora un piano al 2030 che aspx3093htmlFalseaspx<img alt="" src="/PublishingImages/focus/pendolaria%202022_legambiente.png" style="BORDER:0px solid;" />
Boom delle due ruote in Italia. E le politiche locali? Boom delle due ruote in Italia. E le politiche locali? Mobilità sostenibilehttps://www.sicurstrada.it/focus/boom-delle-due-ruote-in-italia-e-le-politiche-localiBike e scooter sharing, sicurezza, disponibilità parcheggi e stazioni di ricarica veicoli elettrici: dal sesto rapporto dell'Osservatorio promosso da Confindustria ANCMA e Legambiente in collaborazione con Ambiente Italia la fotografia delle politiche loc27/01/2022 16:41:0001624Bike e scooter sharing, sicurezza, disponibilità parcheggi e stazioni di ricarica veicoli elettrici: dal sesto rapporto dell'Osservatorio promosso da Confindustria ANCMA e aspx3629htmlFalseaspx<img alt="" src="/PublishingImages/focus/biciclette_legambiente.png" style="BORDER:0px solid;" />