COVID ed elettrificazione accelerano il calo della produzione di motori a combustione

Info

Mobilità futura

​​Fonte: Automotive World​​


Social media

​​Martin Kahlha analizzato per il magazine Automotive World l'impatto della pandemia e quello del​la transizione verso l'elettrificazione sulla produzione dei motori a combustione nel mondo.

Le fabbriche automobilistiche sono rimaste inattive praticamente ovunque per almeno due mesi, i concessionari d'auto chiusi, oltre 36 milioni di disoccupati negli Stati Uniti e molti altri milioni in tutto il mondo. ​Lo scenario attuale è critico per l'industria automobilistica globale, in particolare per i fornitori di componenti per auto, ma la lenta transizione verso l'elettrificazione, combinata con l'impatto del nuovo coronavirus (COVID-19) dipinge un quadro ancor più critico per i fornitori di motori nel mondo. Inoltre, le case automobilistiche avevano già chiuso il 2019 con la produzione globale di veicoli in calo, prima ancora ​​quindi che il coronavirus colpisse.

Questo rallentamento della domanda ha infatti origini già nel 2018, con un indebolimento dei mercati chiave dell'auto, in particolare di quello cinese. La produzione di motori segue le tendenze di quella dei veicoli e nel 2019 quest'ultima è diminuita di circa il 5% su base annua, attestandosi a quota 88 milioni di unità. Per quanto riguarda i motori, secondo la nuova ricerca di Automotive World, la loro produzione è diminuita del 4,4%, con una produzione di pezzi per veicoli leggeri e pesanti pari a poco meno di 83,2 milioni di unità, rispetto agli 87 milioni dell'anno precedente.​

In Europa, solo tre tra gli impianti di produzione di motori hanno prodotto oltre 1,5 milioni di pezzi nel 2019: PSA Tremery in Francia (1,75 milioni), VW Salzgitter in Germania (1,58 m.) e VW’s Györ, fabbrica ungherese (1,97 m). Altri importanti impianti di produzione di motori, che hanno prodotto almeno 1 milione di unità nel 2019, sono stati: lo stabilimento BMW Steyr, in Austria (1,23 m), due degli stabilimenti motori tedeschi della Daimler, vale a dire Bad Cannstatt, a Stoccarda (1,18 m) e Koelleda (1,14 m), e lo stabilimento Renault di Valladolid in Spagna (1,36 m). Fuori dall'Europa, la Toyota gestisce due impianti "milionari" in Giappone, a Kamigo (1,25 m) e Shimoyama (1,05 m), mentre lo stabilimento Sagara di Suzuki ha assemblato un milione di motori nel 2019. In Nord America, lo stabilimento di FCA Saltillo in Messico ha prodotto 1,09 milioni di motori e l'impianto Honda di Anna, Ohio, negli Stati Uniti, ha costruito 1,08 milioni di motori.

Solo una piccola parte del divario numerico tra la produzione dei veicoli e quella​ dei motori è attualmente attribuibile ai veicoli che non richiedono un motore a combustione, vale a dire i veicoli elettrici a batteria (BEV - Battery electric vehicle). E su questo tema, BloombergNEF (BNEF),​ che analizza le implicazioni finanziarie, economiche e politiche delle tendenze e delle tecnologie "pulite" che trasformano le industrie globali, osserva che prima dell'inizio della crisi del coronavirus, abbiamo avuto dieci anni consecutivi di forte crescita dei veicoli elettrici e ibridi plug-in. Nell'ultima edizione del suo rapporto annuale sui veicoli elettrici, "Long-Term Electric Vehicles Outlook", BNEF rileva infatti che "le vendite di veicoli elettrici per passeggeri sono passate da 450.000 nel 2015 a 2,1 milioni nel 2019".​

Vi erano, tuttavia, segnali pre-COVID di un rallentamento della crescita dei veicoli elettrici. Secondo Berylls Strategy Advisors, infatti, le vendite globali di veicoli elettrici sono cresciute annualmente di oltre il 50% dal 2012 al 2018, ma hanno rallentato fino a crescere solo del 5% su base annua nel 2019.

Qualunque cosa sia accaduta prima del COVID-19, tuttavia, è nulla rispetto all'impatto che la pandemia avrà sulla domanda di veicoli nel 2020 e dopo il 2020. BNEF osserva comunque che i veicoli elettrici si dimostreranno "più resilienti" dei veicoli a combustione di fronte al coronavirus. Nel 2020 prevede che le vendite globali di veicoli elettrici per passeggeri diminuiranno del 18% arrivando a 1,7 milioni di unità. Dato drammatico, ma meno grave del calo del 23% che aspetta il mondo delle automobili con motori a combustione.

Con i principali mercati in stallo da marzo, le vendite di veicoli sono crollate. In Europa, l'ACEA​ registra un calo del 78% nelle vendite di veicoli ad aprile, a seguito di un calo del 52% a marzo. Solo l'industria automobilistica europea impiega 13,8 milioni di persone in 300.000 imprese e l'Unione europea ha indicato che è pronta a sostenere l'industria.

Secondo la tedesca Süddeutsche Zeitung, l'UE sta pianificando un pacchetto di incentivi pari a 100 miliardi di euro a sostegno del settore della mobilità, tra cui 20 miliardi di euro per i veicoli puliti. La decisione di definire "puliti" veicoli come quelli che emettono fino a 140 g di CO2/km - tuttavia - potrebbe essere oggetto di numerosi dibattiti. Si prevedono poi ulteriori 40-60 miliardi di euro destinati agli investimenti in nuove tecnologie di propulsione.

Il COVID-19 metterà comunque a dura prova la capacità del settore auto di affrontare il suo percorso verso l'elettrificazione. Con l'immediata necessità di liquidità, infatti, le case automobilistiche stanno rivalutando attentamente ogni aspetto delle loro strategie e i costosi programmi di elettrificazione potrebbero essere messi da parte in favore della produzione dei motori a combustione che sono meno costosi e più facilmente ammortizzabili con le vendite dei veicoli. Le case automobilistiche in Europa, in particolare, devono riuscire a bilanciare la volontà di immettere sul mercato veicoli elettrici con la necessità di proteggere la liquidità e ritardare le operazioni meno redditizie nell'immediato.

Eventuali ritardi, tuttavia, non potranno che essere - secondo le previsioni - solo a breve termine. Anche se la politica e le normative faticano ad incidere, infatti, i prezzi delle batterie agli ioni di litio stanno diminuendo, rendendo i veicoli elettrici una prospettiva sempre più attraente per i potenziali acquirenti. E l'innovazione nell'elettrificazione è in aumento, Automobilwoche riferisce che nel 2019 le case automobilistiche e i fornitori tedeschi hanno depositato 660 brevetti per veicoli con motori elettrici, il 42% in più rispetto al 2017. Anche la scelta di veicoli elettrici è in aumento e BNEF prevede che sul mercato saranno disponibili 500 modelli di veicoli elettrici entro il 2022. L'impatto del COVID-19 causerà un'influenza significativa nelle vendite di auto per i prossimi anni, ma ci sono anche segni che il coronavirus ha già generato ulteriore interesse per i veicoli elettrici.

Guardando al​ lungo termine, BNEF rileva nel suo rapporto che il 3% delle vendite globali di auto nel 2020 sarà elettrico e il 7% nel 2023; entro il 2040, tale percentuale dovrebbe salire al 58% delle autovetture nuove in tutto il mondo. In questo numero sono inclusi ibridi plug-in, quindi oltre il 42% delle vendite di nuove autovetture nel 2040 utilizzerà ancora un motore a combustione. Ma la strada sembra ormai tracciata. ​

Info

Mobilità futura

Social media

 

 

COVID ed elettrificazione accelerano il calo della produzione di motori a combustione COVID ed elettrificazione accelerano il calo della produzione di motori a combustioneMobilità futurahttps://www.sicurstrada.it/focus/covid-ed-elettrificazione-accelerano-il-calo-della-produzione-di-motoriL'analisi di Automotive World 21/05/2020 15:24:57016414Martin Kahl​ ha analizzato per il magazine Automotive World l'impatto della pandemia e quello del​la transizione verso l'elettrificazione sulla produzione dei motori a combustione aspx150htmlFalseaspx<img alt="" src="/PublishingImages/focus/sicurstrada_covid19_motori_elettriche.png" style="BORDER:0px solid;" />
Bonus mobilità sostenibile: il testo integraleBonus mobilità sostenibile: il testo integraleMobilità sostenibilehttps://www.sicurstrada.it/focus/bonus-mobilità-sostenibile-il-testo-integraleIl testo integrale dell’articolo 205 del Decreto Rilancio18/05/2020 14:08:07016315 seguito il testo integrale dell’articolo 205 del Decreto Rilancio che contiene gli incentivi per la mobilità sostenible Misure per incentivare la mobilità sostenibile aspx168htmlFalseaspx<img alt="" src="/PublishingImages/focus/bonsu%20mobilità_sicurstrada.png" style="BORDER:0px solid;" />
Intesa Mit e Mid per sviluppare veicoli a guida autonomaIntesa Mit e Mid per sviluppare veicoli a guida autonomaMobilità futurahttps://www.sicurstrada.it/focus/intesa-mit-e-mid-per-sviluppare-veicoli-a-guida-autonomaFirmato un protocollo d'intesa dalle Ministre De Micheli e Pisano19/05/2020 12:53:56016330Sviluppo della mobilità innovativa attraverso la ricerca e la sperimentazione di veicoli a guida autonoma e connessa Questo l'oggetto del protocollo di intesa sottoscritto il 15 aspx238htmlFalseaspx<img alt="" src="/PublishingImages/focus/auto%20autonome_sicurstrada.png" style="BORDER:0px solid;" />
Mobilità e sicurezza stradale durante l'emergenza CoronavirusMobilità e sicurezza stradale durante l'emergenza CoronavirusNormativa stradalehttps://www.sicurstrada.it/focus/la-sicurezza-stradale-nel-mondo-ai-tempi-del-coronavirusMonitoraggio italiano e straniero su politiche sulla sicurezza stradale e statistiche sull'incidentalità stradale durante l'emergenza Coronavirus18/05/2020 13:18:47010843 partire dal lavoro dell'ETSC, in questa pagina aggiornata periodicamente ​troverete segnalati articoli, report, analisi italiani e internazionali​ relativi a politiche sulla aspx766htmlFalseaspx<img alt="" src="/PublishingImages/focus/sicurezza%20stradale_coronavirus_europa.png" style="BORDER:0px solid;" />
Bicicletta con pedalata assistita: quello che c'è da sapereBicicletta con pedalata assistita: quello che c'è da sapereMobilità sostenibilehttps://www.sicurstrada.it/focus/cose-da-sapere-per-acquistare-una-bicicletta-con-pedalata-assistitaConsigli utili prima di affrontare l'acquisto18/05/2020 14:07:19016323Le biciclette con pedalata assistita (chiamate anche pedelec, da pedal electric cycle, nel gergo tecnico) sono biciclette sul cui telaio è montato un motore elettrico che può aspx162htmlFalseaspx<img alt="" src="/PublishingImages/focus/pedalata%20assistita_sicurstrada.png" style="BORDER:0px solid;" />
Incidentalità stradale in Italia ai tempi del CoronavirusIncidentalità stradale in Italia ai tempi del CoronavirusIncidenti stradalihttps://www.sicurstrada.it/focus/incidentalità-stradale-in-italia-ai-tempi-del-coronavirusIncidentalità stradale in Italia ai tempi del Coronavirus30/03/2020 08:41:59010842C'era da aspettarselo, viste le profonde limitazioni alla mobilità per i cittadini italiani, e i dati raccolti da ASAPS​ (Associazione Sostenitori ed Amici della Polizia Stradale aspx729htmlFalseaspx<img alt="" src="/PublishingImages/focus/Sicurstrada_incidenti%20stradali%20italia_coronavirus.png" style="BORDER:0px solid;" />
Progetto O.R.A. al via: sono 133 le classi partecipantiProgetto O.R.A. al via: sono 133 le classi partecipantiEducazione alla mobilitàhttps://www.sicurstrada.it/focus/progetto-o-r-a-al-via-ecco-le-classi-partecipantiProgetto O.R.A. al via: sono 130 le classi partecipanti16/03/2020 12:31:26010841L'elenco delle classi partecipanti Il regol​amento Inizia ufficialmente in 133 classi di 77 scuole italiane O.R.A. – Open Road Alliance, il progetto di Fondazione Unipolis e aspx1039htmlFalseaspx<img alt="" src="/PublishingImages/focus/Progetto%20ORA_sicurstrada.png" style="BORDER:0px solid;" /><img alt="" src="/PublishingImages/focus/ora_progetto_unipolis.png" style="BORDER:0px solid;" />
Il rapporto Pendolaria di LegambienteIl rapporto Pendolaria di LegambienteMobilità sostenibilehttps://www.sicurstrada.it/focus/il-rapporto-pendolaria-di-legambienteIl rapporto Pendolaria di Legambiente07/02/2020 10:17:37010840Cresce la mobilità su ferro: agli italiani il treno piace e dove si investe il successo è garantito, da Nord a Sud, dall'alta velocità alle linee metropolitane aspx845htmlFalseaspx<img alt="" src="/PublishingImages/focus/pendolaria-legambiente-sicurstrada.png" style="BORDER:0px solid;" />
Pedoni e ciclisti coinvolti in incidenti mortali: è allarmePedoni e ciclisti coinvolti in incidenti mortali: è allarmeIncidenti stradalihttps://www.sicurstrada.it/focus/pedoni-e-ciclisti-coinvolti-in-incidenti-mortali-è-allarmePedoni e ciclisti coinvolti in incidenti mortali: è allarme06/02/2020 15:58:41010839Tra il 2010 e il 2018, sulle strade europee, sono morti 51.300 pedoni e 19.450 ciclisti, mentre in Italia, solo nel 2018, sono stati 612 i pedoni che hanno perso la vita (-1,4 aspx874htmlFalseaspx<img alt="" src="/PublishingImages/focus/pedestrians_sicurstrada.png" style="BORDER:0px solid;" />
Roma seconda città al mondo per ore perse nel trafficoRoma seconda città al mondo per ore perse nel trafficoMobilità sostenibilehttps://www.sicurstrada.it/focus/roma-seconda-città-al-mondo-per-ore-perse-nel-trafficoRoma seconda città al mondo per ore perse nel traffico27/01/2020 14:54:59010838Quante ore si perdono nel traffico urbano Uno studio americano ha rilevato che Roma con 245 ore a testa perse nel traffico è seconda solo a Bogotá che ne conta 272 aspx922htmlFalseaspx<img alt="" src="/PublishingImages/focus/traffic_sicurstrada.png" style="BORDER:0px solid;" />
È online l'elenco delle classi selezionate per partecipare al Progetto O.R.A.È online l'elenco delle classi selezionate per partecipare al Progetto O.R.A.Educazione alla mobilitàhttps://www.sicurstrada.it/focus/è-online-lelenco-delle-classi-selezionate-per-partecipare-al-progetto-o-r-aÈ online l'elenco delle classi selezionate per partecipare al Progetto O.R.A.16/03/2020 11:56:05010837L'elenco delle classi selezionate Il reg​olamento È stato pubblicato sul sito del Progetto O.R.A. l'elenco delle classi selezionate - tra quelle che hanno inviato la propria aspx961htmlFalseaspx<img alt="" src="/PublishingImages/focus/progetto%20ora_selezionate.png" style="BORDER:0px solid;" /><img alt="" src="/PublishingImages/focus/progetto%20ora%20sito.png" style="BORDER:0px solid;" />
Incidenti stradali: i dati preliminari 2019Incidenti stradali: i dati preliminari 2019Incidenti stradalihttps://www.sicurstrada.it/focus/incidenti-stradali-i-dati-preliminari-2019Incidenti stradali: calano gli incidenti, crescono le vittime18/12/2019 10:37:51010836È questa la fotografia della sicurezza stradale in Italia nei primi sei mesi del 2019 fatta dall'ISTAT Si tratta delle stime preliminari che l'istituto di statistica opportunamente aspx1171htmlFalseaspx<img alt="" src="/PublishingImages/focus/incidenti%20stradali%202019_sicurstrada.png" style="BORDER:0px solid;" />